OBBLIGAZIONI ENEL CHIUSE IN ANTICIPO? BEATO CHI PUO’ PERMETTERSELE…….

di domenicovalente


LO SVEGLIO, PROTESTA!

LO VESTO, PROTESTA!

LO PORTO ALL’ASILO, PROTESTA!

…….PARKEGGIO E BANCA!!!!!!!!!

Molto bella la pubblicità di Enel per l’ennesima sottoscrizione obbligazionaria… invitava tutti a trovare un attimo di tempo per andare in BANCA. Per l’Ex azienda di stato è andata talmente bene che questa mattina ringraziavano gli Italiani pre aver esaurito in anticipo tutte le quote disponibili.

Ma quanta fretta! Chissà cosa bolle in pentola, poi mi sono ricordato dell’apertura del Cavaliere sul Nucleare in Italia ed ho trovato interessante questo articolo di Gaetano Velenoso

Bond Enel: I cittadini non devono sapere che i loro soldi serviranno per finanziare le centrali atomiche

<<Alla fine dello scorso anno Enel aveva un indebitamento netto di oltre 50 miliardi di euro. Eredità dell’operazione di acquisizione della spagnola Endesa, che ha proiettato la società ai vertici dell’industria energetica europea ma ne ha compromesso fortemente la capacità di portare a termine investimenti futuri. Se Enel non è in crisi lo deve solo al fatto che i tassi di interesse sono bassissimi quindi il debito, almeno nel breve termine, è sostenibile. Ma l’amministratore delegato Fulvio Conti ha un sogno, condiviso con il ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola: riportare il nucleare in Italia dopo 23 anni dallo stop del referendum. Il calcio di inizio è stato dato nel febbraio del 2009 quando Berlusconi e Sarkozy hanno siglato un’intesa per la produzione di energia nucleare che ha coinvolto anche Edf ed Enel. L’accordo prevede la realizzazione di 6.400MW di nuova capacità nucleare, circa la metà degli obiettivi indicati dal Governo che preveda la costruzione di centrali nucleari per un totale di 13.000MW con l’obiettivo di produzione di circa 100 TWh/anno, pari a un quarto del totale fabbisogno italiano stimato per il 2020.>>

<<Per raggiungere questo obiettivo l’Enel deve investire complessivamente 25 miliardi di euro. E senza compromettere il proprio equilibrio finanziario..>>

Come faranno? <<L’anno scorso è stata ceduta la maggioranza della rete del gas e la totalità della rete ad alta tensione per 2.4 miliardi. Nel 2010 è prevista la cessione di una quota di minoranza di Enel Green Power……energia da fonti rinnovabili……. All’appello manca solo il popolo dei piccoli risparmiatori, gli Enel people, a cui la società ha programmato di “rifilare” parte dei 10 miliardi di euro che punta a raccogliere attraverso l’emissione di bond deliberata nel luglio dello scorso anno.>>

EnelSpa ZERO321.it Dailymotion

Non esiste il benché minimo indizio che faccia pensare che l’energia nucleare diverrà mai accessibile, perché questo comporterebbe essere in grado di spaccare l’atomo a comando. (Albert Einstein)