Steve McCurry. Viaggio intorno all’uomo

di domenicovalente


E’ così che si intitola la mostra fotografica organizzata al Palazzo Ducale di Genova con oltre 200 immagini prodotte dall’artista Americano. L’esposizione, una vera e propria installazione studiata nei minimi dettagli, si sviluppa su cinque filoni: Scoperta, Vertigine, Poesia, Stupore e Memoria con uno spazio temporale che supera i 30 anni di lavoro di questo straordinario fotografo.

IMG_0074

Se vedi qualcosa che ti piace non devi rinunciare

è una delle citazioni di McCurry che si possono ascoltare durante la visita.

Una mostra piacevole e per nulla scontata che consiglierei a tutti. Molto spesso crediamo che la Fotografia sia facile, che basti andare in un posto e fare click, per avere una fotografia da concorso o meritevole di un premio.
L’artista Americano, al contrario, ci insegna che il vero segreto sono la pazienza e la perseveranza che applicati in maniera costante ci ripagano sempre e che lo studio e la ricerca sono essenziali e mai scontati o di semplice applicazione.

IMG_0077

IMG_0078

IMG_0079

IMG_0080

I colori, associati alla forte personalità dei suoi soggetti, sono la sua vera forza propulsiva che si ripetono in tutte le sue opere.

IMG_0081

IMG_0082

IMG_0084

IMG_0085

IMG_0086

Aung San Suu Kyi. E’ una persona che mi ha lasciato una traccia profonda. Se dovessi sintetizzare il suo modo di essere in una parola, la definirei carismatica. (Cit. McCurry)

IMG_0087

IMG_0088

IMG_0089

IMG_0090

IMG_0091

IMG_0093

IMG_0094

IMG_0095

IMG_0097

IMG_0098

IMG_0099

Non voglio dilungarmi troppo e spero vi abbia incuriosito.

Una piccola nota stonata non dovuta alla mostra ma dovuta ai frequentatori. Ho ascoltato un commento di alcuni visitatori sulla presunta post-produzione delle immagini presenti e che l’artista avrebbe praticato in modo sistematico.
E’ molto triste ridurre tutto all’utilizzo eccelso del fotoritocco senza dare il giusto peso e il giusto valore alla luce, alla composizione, al soggetto, alla scelta del momento, tutti componenti fondamentali e presenti in egual modo per la realizzazione di una immagine iconica e senza tempo.
Ciò che manca, soprattutto in Italia, è una cultura Fotografica che sappia anche dare la giusta collocazione ad un’arte ormai ampiamente sviluppata ed utilizzata con facilità da tutti.

Colpa della pubblicità, dei corsi di groupon o della scarsa preparazione dei fotografi che si etichettano come “professionisti”?